Il gene dominante di colore bianco nei cavalli è probabilmente letale se ereditato da entrambi i genitori

Reading Time: 3 minutes read

Un gene dominante responsabile di un colore del mantello bianco nei cavalli, che è probabilmente letale se ereditato da entrambi i genitori, è stato identificato a bassa frequenza nelle Shetland americane e nei cavalli in miniatura.

Ricercatori, scrivendo nel diario I geni, hanno affermato che i risultati evidenziano l’importanza dei test per questa variante in ulteriori razze ippiche.

Il colore del mantello è stato uno dei primi tratti genetici ad essere studiato nei cavalli.

È stato dimostrato che sei varianti in cinque geni nei cavalli diminuiscono il pigmento. Questi sono noti come crema, perla, champagne, dun, funghi e argento. Varianti in sette geni (KIT, EDNRB, TRPM1, MITF, PAX3, RFWD3, STX17) sono state documentate per causare modelli bianchi nei cavalli domestici.

Questi sono diversi fenotipi ma sovrapposti, tra cui sabino-1, tobiano e bianco dominante.

Gli scienziati dell’Università della California, Davis, Veterinary Genetics Laboratory hanno esaminato campioni di 19 pony Shetland bianchi non registrati per 16 marcatori a motivi bianchi. I campioni sono stati forniti da un ranch.

Elizabeth Esdaile e i suoi colleghi ricercatori hanno identificato 14 persone il cui colore del mantello non poteva essere spiegato mediante screening per marcatori convenzionali.

Hanno quindi cercato altre varianti bianche dominanti, scoprendo che i 14 cavalli erano eterozigoti per il gene W13. W13 è stato precedentemente riportato solo in due quarti di cavallo e una famiglia di cavalli in miniatura australiani.

Hanno anche testato campioni di capelli di 30 animali bianchi segnalati dal proprietario, tra cui cinque Shetland e 25 cavalli in miniatura, che sono stati tenuti in laboratorio. Due dei cavalli in miniatura sono risultati eterozigoti per il gene W13.

Successivamente, il team di studio ed ha testato campioni scelti a caso da 59 pony Shetland e 80 cavalli in miniatura americani con fenotipi sconosciuti, tenuti in laboratorio per determinare la frequenza dell’allele W13 all’interno delle due razze. L’allele non è stato rilevato nei 59 campioni di Shetland, ma è stato trovato in una delle miniature.

In tutti i casi rilevati, l’allele W13 era stato ereditato da un solo genitore, il che significa che erano tutti eterozigoti. Non sono stati identificati individui W13 omozigoti – cioè aver ereditato il gene da entrambi i genitori -. L’omozigosi è probabilmente letale, hanno detto i ricercatori.

Tutti i pony W13 avevano un cappotto tutto bianco simile con fenotipo della pelle rosa, indipendentemente dalle altre varianti di spotting bianco presenti, dimostrando che W13 si traduce in un fenotipo bianco dominante ereditato da Mendelian.

Discutendo delle loro scoperte, i ricercatori hanno affermato che i 16 cavalli i cui cappotti completamente bianchi non potevano essere spiegati da varianti regolarmente testate in laboratorio potrebbero essere spiegati essendo eterozigoti per W13.

Il team di studio ha osservato che i pony delle Shetland riportati con l’allele W13 non erano registrati e che non lo avevano rilevato durante lo screening dei 57 pony delle Shetland registrati.

Precedenti studi avevano identificato l’allele W13 in soli sei animali. Il primo rapporto ha identificato due individui eterozigoti come croci del Paso del Quarto Cavallo-Peruviano, con un’analisi pedigree che suggerisce che la variante era di origine del Cavallo del Quarto.

Successivamente, il W13 è stato identificato in una famiglia di quattro cavalli in miniatura in Australia. In particolare, il padre aveva un modello di spotting bianco che non era un cappotto completamente bianco, che contrasta con il fenotipo e le registrazioni fotografiche dei pony W13 riportate in questo studio.

Gli autori hanno avvertito che mentre la frequenza dell’allele W13 nelle Shetland e nei cavalli in miniatura è bassa, la probabilità che sia letale se ereditata da entrambi i genitori supporta l’uso di test genetici W13 per la selezione riproduttiva.

Lo studio riflette il maggior numero di animali identificati con la variante W13 fino ad oggi, hanno detto, aggiungendo che può essere trovato anche in altre razze di cavalli ancora da valutare. È giustificato lo screening per W13 in altre razze e lo studio delle potenziali origini.

Il team di studio comprendeva Esdaile, Angelica Kallenberg, Felipe Avila e Rebecca Bellone.

Esdaile, E .; Kallenberg, A .; Avila, F .; Bellone, R.R. Identificazione di W13 nelle popolazioni di cavalli in miniatura americani e pony nelle Shetland. Generi 2021, 12, 1985. https://doi.org/10.3390/genes12121985

Lo studio, pubblicato sotto a Licenza Creative Commons, può essere letto Qui.

Share