Italia, Confermata malattia da erba equina

Reading Time: 2 minutes read

La malattia dell’erba equina in Italia potrebbe essere diagnosticata e la sua incidenza sottovalutata, secondo i ricercatori.

La malattia dell’erba equina fu segnalata per la prima volta nella Scozia orientale nei primi anni del 1900 e poi in tutta la Gran Bretagna.

La malattia è stata segnalata anche in diversi paesi europei, tra cui Repubblica Ceca, Belgio, Ungheria, Austria, Svizzera, Paesi Bassi, Germania, Francia, Danimarca e Cipro. Casi sospetti sono stati segnalati nelle Isole Falkland e in Australia.

La malattia, nota anche come disautonomia equina, colpisce quasi esclusivamente i cavalli tenuti al pascolo. Può presentarsi in tre diverse sindromi, riconosciute attraverso segni clinici gravi nella forma acuta, moderate nella forma subacuta e lievi nella forma cronica.

I segni clinici sono generalmente correlati alle lesioni nel sistema nervoso autonomo, in particolare nel sistema nervoso relativo all’intestino.

I vari sintomi includono ottusità, mancanza di appetito, difficoltà a deglutire, sbavatura della saliva, frequenza cardiaca veloce, caduta delle palpebre, sudorazione irregolare e contrazioni muscolari. In casi acuti, può esserci dolore addominale da lieve a moderato e grandi volumi di reflusso nasogastrico.

La causa è ancora speculativa e sono state proposte molte ipotesi.

Laus Fulvio e i suoi colleghi ricercatori, riportano sulla rivista BMC Veterinary Research, una serie di quattro casi di malattia dell’erba equina – uno subacuta e tre cronici – verificatisi in Italia centrale all’inizio della primavera. I cavalli avevano un’età compresa tra 2 e 6 anni.

In tutti i casi, la prognosi era scarsa e i cavalli venivano eutanizzati. La diagnosi di malattia dell’erba equina è stata confermata dall’esame microscopico dei campioni di tessuto dal sistema nervoso autonomo o dal sistema nervoso enterico.

I segni mostrati dai cavalli erano coerenti con una diagnosi di malattia dell’erba equina cronica o subacuta, hanno detto i ricercatori.

Hanno affermato di ritenere che i loro casi clinici rappresentino la prima conferma della malattia dell’erba equina in Italia. La malattia potrebbe essere diagnosticata in modo insufficiente e la sua incidenza sottovalutata in Italia, hanno affermato.

Dovrebbe esserci una maggiore consapevolezza tra i veterinari italiani nel considerare la malattia dell’erba equina come una possibile diagnosi nei cavalli con segni clinici di dolore addominale, indipendentemente dal fatto che sia associata o meno al reflusso gastrico e alla contrazione muscolare.

Tutti i casi di questo studio riguardavano i cavalli tenuti nello stesso pascolo, confermando possibili fattori legati alla sede e alla gestione legati allo sviluppo della malattia.

Precedenti sospette diagnosi della condizione nello stesso bestiame e il recente clima fresco e secco sono stati considerati ulteriori potenziali fattori di rischio.

“Le condizioni ambientali e climatiche tipiche dell’Italia centrale dovrebbero essere fortemente considerate come fattori di rischio, anche in altre regioni geografiche del paese”, hanno affermato.

Il team di studio comprendeva Bazzano Marilena e Bertoletti Alice, tutti con l’Università di Camerino; Mandara Maria Teresa e Gialletti Rodolfo, con l’Università di Perugia; e Corsalini Jacopo, praticante di Perugia.

Fulvio, L., Jacopo, C., Teresa, M.M. et al. Malattia dell’erba equina in italia: uno studio di serie di casi. BMC Vet Res 17, 264 (2021). https://doi.org/10.1186/s12917-021-02966-y

Share