Puledra di 15 giorni, osteomielite della seconda e terza falange

Reading Time: 1 minute read

La puledra, presentata a visita a causa di una zoppia insorta improvvisamente, veniva sottoposta ad una terapia antibiotica per via sistemica ed a medicazioni locali giornaliere e ripetuti curettage della lesione.

La revisione chirurgica della lesione, praticata in settima giornata, portava all’estrazione di tre frammenti ossei deperiostati corrispondenti a parte della III falange e all’intera II falange. Controllata la sepsi, la lesione evolveva progressivamente verso la guarigione.

L’esame radiografico, ripetuto al 50° giorno, evidenziava un’imponente osteoproduzione da parte del periostio della II falange rimasto in loco. Un nuovo controllo, al 18° mese di vita dell’animale, evidenziava l’ottimo recupero funzionale dell’arto.

A 24 mesi di età la cavalla, a causa di una lesione necrotico purulenta delle strutture endoungueali, fistolizzata in corona, veniva sottoposta ad intervento di revisione endoungueale.

All’apertura dello zoccolo, si evidenziava un quadro di pododermatite cronica ipertrofica e si procedeva all’asportazione del tessuto alterato, alla ferratura terapeutica ed all’applicazione locale di acido picrico e salicilico.

Al controllo, all’età di tre anni, la cavalla appariva in buone condizioni generali ed aveva raggiunto un ottimo adattamento funzionale.

Per leggere l’intero caso invitiamo a cliccare in questo LINK esterno (Doc in PDF).

M. GRECO, M.P. PASOLINI1, H. CASTELIJNS2, S. LABRIOLA3, A. POTENA1
1 Dipartimento di Scienze Cliniche Veterinarie, Sezione di Clinica Chirurgica
Facoltà di Medicina Veterinaria Federico II Napoli
2 Libero Professionista – Cortona (AR)
3 Libero Professionista – Napoli

Share