Cura dello zoccolo (1)

Reading Time: 2 minutes read

I cavalli furono cavalcati e usati per il lavoro dagli umani per migliaia di anni prima che venissero inventati i ferri di cavallo.

I Greci antichi non calpestavano i loro cavalli e Senofonte nel suo classico lavoro sull’equitazione ha scritto, “gli zoccoli naturalistici sani si rovino nella parte inferiore delle banche” e ha consigliato misure per rafforzare i piedi dei cavalli :

Per garantire il miglior tipo di cantiere stabile, e al fine di rafforzare i piedi del cavallo, Suggerirei di prendere e buttare giù vagamente quattro o cinque vagoni carichi di ciottoli, ognuno grande quanto può essere afferrato nella mano, e circa una libbra di peso; il tutto da recintare con un battiscopa di ferro per evitare lo scattering.

La semplice posizione su questi arriverà esattamente alla stessa cosa come se per una certa parte del giorno fosse il cavallo, avanti e indietro, camminando lungo una strada pietrosa; mentre è curry o quando viene agitato dalle mosche, sarà costretto a usare i suoi zoccoli tanto quanto se stesse camminando. Né sono solo gli zoccoli, ma una superficie così cosparsa di pietre tenderà ad indurire il rana anche del piede.

Più recentemente, Jaime Jackson, che ha studiato gli zoccoli di cavallo selvatici e domestici, ha promosso la moderna variante della cura naturale degli zoccoli Il cavallo naturale: lezioni dal selvaggio (1992).

Esistono diversi stili di rifiniture scalze oggi in uso, tra cui Wild Horse o “Natural Trim” (sviluppato da Jaime Jackson), il Trim a 4 punti (Dr. Rick Reddin di NANRIC) il bordo di Strasser (uno dei più controversi in quanto la suola e le sbarre del cavallo vengono raccolte per allargare la rana) il rivestimento “Pete Ramey” in cui gli elementi del rivestimento del cavallo selvaggio sono l’obiettivo, ma il processo include la rimozione della parete dello zoccolo e il forzare il cavallo a camminare principalmente sulla suola. Alcuni tipi, come il rivestimento a 4 punti, possono essere utilizzati da soli o con le scarpe.

Fonte. : Wikipedia

Share